Catcalling, il fischio dell’idiota

Istruzioni per la rottamazione di un maschio


Stronza
Stronza
Catcalling, il fischio dell’idiota

Quello che voi chiamate “catcalling” non è il mero apprezzamento, magari un po’ goliardico, nei confronti di una donna.

Quella donna, noi tutte, siamo cresciute con la raccomandazione “non dare confidenza agli sconosciuti”. Sin da piccole ci hanno spiegato che ci sono in giro uomini che potrebbero avere cattive intenzioni, che ci potrebbero fare cose brutte contro la nostra volontà. Sin da piccole ce le hanno inculcate in testa a suon di esempi terrificanti. Gli stessi che si leggono quotidianamente sulle cronache dei giornali, peraltro.

Quando tu, idiota, passi e fischi o gridi un apprezzamento non richiesto, nella testa di una donna scatta quel ricordo e d’istinto l’assale, non dico la paura, ma un senso di fastidio misto a preoccupazione.

Chiaro che poi, la maggior parte delle donne reagisca ignorandovi. O mandandovi a quel paese (per usare un eufemismo). Ma potrebbero esserci ragazze, magari più giovani, più inesperte o semplicemente più fifone che non solo non lo apprezzano, ma che si intimoriscono al solo pensiero di chi può aver emesso quel verso.

Provate a immedesimarvi in una ragazza che sta camminando per strada, da sola, magari sovrappensiero, che si vede affiancare un’auto, con un bidone dell’umido al volante (perché parliamoci chiaro, Brad Pitt occuperebbe il tempo in maniera più proficua), che le strilla complimenti grotteschi, magari il tutto condito con fischi e suonate di clacson…  Il vostro primo pensiero sarebbe augurarvi che quell’idiota sia esattamente quello che sembra: un idiota per l’appunto. Ma se invece è qualcos’altro? Se un tuo qualunque gesto, anche involontario, facesse scattare un istinto predatore nell’imbecille al volante, al punto tale da spingerlo a seguirvi fino a quando, complice magari una strada isolata, decida che è ora che voi sottostiate alle sue necessità primordiali?

Non è il fischio o la strombazzata che ci da fastidio. Siete voi, trogloditi imprevedibili, il problema.

Che poi, ve lo assicuro, nessuna si è mai lasciata rimorchiare da un passante che le ha fischiato dietro, apprezzandole il culo.
O meglio, quasi nessuna. Quelle che accettano contanti, sì.
Ma quelle non fanno sconti grazie a fischi o complimenti. La tariffa rimane la stessa.

Quindi anche in questo remoto caso, non serve a niente.

Stronza è lo pseudonimo di una persona attiva su Twitter. La sua identità è nota alla redazione

Messaggi simili

Manifestazione sacrosanta, e qualche rischio
Naufragi

Manifestazione sacrosanta, e qualche rischio

Molinari di nuovo in piazza sabato: attenzione alle provocazioni

Pubblicato il Aldo Sofia
Myanmar: le armi mediatiche contro le armi vere
Naufragi

Myanmar: le armi mediatiche contro le armi vere

Il coraggio dei birmani e l’inerzia della comunità internazionale

Pubblicato il Loretta Dalpozzo