La Corte suprema e i suoi imam

La Corte suprema e i suoi imam

La recente sentenza sull’aborto fa tornare indietro l’America ai tempi del Far West, in nome di un estremismo fondamentalista. Ma non è solo una storia americana


Aldo Sofia
Aldo Sofia
La Corte suprema e i suoi imam

Questa non è ‘ l’America profonda’, pigra e spiccia definizione di un paese enigmatico e contradditorio; no, questa è ‘l’America che sprofonda’, mentre ci si ostina a definirla ‘la più grande democrazia del mondo’. Un paese al quale la suprema autorità giuridica comunica (con sei voti contro tre) che per mezzo secolo le donne americane hanno avuto sì la libertà di abortire, ma che si è trattato di un equivoco, dl tradimento della volontà dei padri fondatori, di un diritto esercitato violando la Costituzione.

Così, come nel selvaggio west, subito la corda per l’impiccagione viene lanciata sul ramo più adatto, la sentenza è immediatamente applicabile, quel diritto federale viene cancellato con un colpo di spugna, in futuro che ogni Stato della Federazione legiferi a piacimento, perché così vuole l’ipocrisia di un sistema che all’interno della stessa nazione consente di fare qualcosa che è negata un metro più in là: non una cosa qualunque, ma l’esercizio di uno dei diritti individuali definito fra ‘i più importanti della modernità’, che si auto-determina sul corpo femminile.

Libera scelta ottenuta con tribolate battaglie per l’emancipazione, e ora rispedita violentemente indietro di decenni, in un’era che si direbbe socialmente glaciale, che rievoca l’epoca in cui alla mancanza della legge sopperivano – anche nel ‘paese nuova Gerusalemme in cima alla collina’ – i disastri e le morti per l’intervento delle “mammane, dell’interruzione ‘fai da te’ della gravidanza, della clandestinità, della stigmatizzazione sociale più crudele.

Non sarà di nuovo così. O almeno si spera. Nella nazione lacerata da quest’altro strappo storico ci sarà comunque una parte d’America che promette di muoversi in parziale soccorso di donne – le più giovani, le meno abbienti, quelle delle minoranze, soprattutto afroamericane – che vorranno comunque continuare ad esercitare il proprio diritto, affrontando viaggi scomodi, umilianti e costosi.

Mentre i sondaggi dicono che la maggioranza della popolazione americana non approva il ‘golpe’ dei togati, quindi anche gli Stati a guida repubblicana non potranno non tenerne conto nella loro strategia di regole più restrittive, sostenute da un Grand Old Party che si addentra sempre più irresponsabilmente nel labirinto dello scontro istituzionale. Che non è affatto improvvisata. Addirittura, in questo caso, è stata a lungo e tenacemente perseguita. Dalla nuova destra ideologica di Goldwater ai ‘soldati cristiani’ di Reagan ai militanti della Christian Coalition che picchettavano i consultori, a volte anche sparando sui miscredenti.

Fino a Donald Trump, che scelse tre nuovi giudici della Corte squilibrandola scientemente a favore della componente più reazionaria, difensori dell’‘originalismo’, per cui è il testo originale che va applicato: la Costituzione del 1787 non menziona l’aborto?, allora non esiste! Proprio come il fanatismo islamico pretende il rispetto letterale della sharia. “È la volontà di Dio”, ha sentenziato ‘imam’ Trump. Una mannaia pronta ora a polverizzare altri diritti sessuali, persino i matrimoni gay, addirittura l’uso di contraccettivi. La sentenza anti-abortista che ora infiamma l’America cade mentre si tenta di processare l’ex presidente che istigò la rivolta politica. Radicalismi incrociati. Guerra civile ideologica. Ma attenti a pensare che sia solo una storia americana.

Pubblicato da laRegione
Nell’immagine: un “meme” che circola da tempo in rete

Dal nostro archivio

La pedagogia del Partito comunista cinese, e quella del capitalismo
Naufragi

La pedagogia del Partito comunista cinese, e quella del capitalismo

Scandalosissima e totalitaria Cina, vergognati! Fai il lavaggio del cervello alla gente, iniziando dai bambini e dalle scuole. Cosa che hanno fatto già tutti i totalitarismi (ma...

Pubblicato il Lelio Demichelis
Come la Russia vuole ‘denazificare’ l’Ucraina
Naufragi

Come la Russia vuole ‘denazificare’ l’Ucraina

L'agenzia RIA Novosti, controllata dal Cremlino, pubblica un allucinante piano su ciò che la Russia intende per 'denazificazione' del paese invaso: ci vorranno 25 anni, la...

Pubblicato il Redazione