Elon Musk: quando la ricchezza rende liberi e presunti libertari

Elon Musk: quando la ricchezza rende liberi e presunti libertari

 "Campione di democrazia e di libertà" lo definisce Tito Tettamanti. E confonde la libertà dell’imprenditore e del capitale con quella dell’uomo


Lelio Demichelis
Lelio Demichelis
Elon Musk: quando la ricchezza rende liberi...

L’oligarca Elon Musk – che vuole comprare Twitter (o forse voleva, sembra ci stia ripensando) – sarebbe un paladino della libertà (di informazione), come sostiene Tito Tettamanti sul CdT di venerdì, in linea con i conservatori statunitensi? E davvero Musk sarebbe un imprenditore visionario, solo perché ci vuole vendere le sue auto elettriche e a guida autonoma, quando – invece di proseguire nella mobilità individuale – avremmo bisogno di potenziare la mobilità collettiva, molto meno inquinante e quindi molto più sostenibile? E davvero – come scrive Tettamanti – “la sua genialità e intelligenza [di Musk] lo consumano nell’intenzione di sviluppare quel progresso che porterà al mondo di domani”, oppure dovremmo domandarci e poi decidere democraticamente se possiamo delegare a un imprenditore la costruzione del mondo di domani – e soprattutto chiederci se quello di Musk sia davvero il mondo di domani auspicabile? E possiamo davvero considerare Musk un libertario, lui che annuncia di voler votare repubblicano alle prossime elezioni americane di mid-term (i democratici, per cui dice di aver sempre votato, sarebbero oggi nelle mani dei sindacatisic!), quegli stessi repubblicani che si sono impadroniti, con Trump, della Corte suprema nominando giudici di parte – giudici che sembra si accingano a negare il diritto di aborto e la libera determinazione delle donne sul loro corpo e sulla loro vita? Musk (libertario?) è poi un simpatizzante del golpista (lo abbiamo già dimenticato?) e oligarca Trump – e dunque? Cerchiamo allora di non confondere la libertà dell’imprenditore e del capitale con la libertà dell’uomo (e – aggiungiamo – con la tutela della vita sulla terra), perché sono due cose diverse, filosoficamente contraddittorie tra loro. E non confondiamo la filosofia libertaria con l’anarco-capitalismo à la Murray Rothbard (“il vero anarchismo sarà capitalista e il vero capitalismo sarà anarchico”), o con l’ideologia neoliberale egemone ormai da quarant’anni e per la quale la società non esiste, esistono solo gli individui, tutto deve essere mercato e merce e competizione.

Ma per rispondere ancora meglio a Tito Tettamanti andiamo a recuperare alcune fonti, tra le molte possibili, di questa ideologia neoliberale, verificando se sia davvero liberale/libertaria in sé, come dice di essere, o non sia piuttosto, come cercheremo di dimostrare, non liberale, non libertaria ma anzi intrinsecamente e deterministicamente illiberale. Iniziamo dalla figura dell’imprenditore e dall’impresa. Scriveva il neoliberale Wilhelm Röpke (corrente dell’ordoliberalismo tedesco e poi europeo): “l’imprenditore può paragonarsi a un navigatore, il cui compito principale è quello di navigare senza sosta sul mare del mercato […] Sarà ragionevole, da parte dell’equipaggio [cioè i lavoratori, i consumatori], di non accampare richieste di ‘partecipare alle decisioni’ o di ‘democratizzazione’ della guida della nave. La democrazia è qui fuori luogo, come in una sala operatoria. La democrazia economica sta altrove e cioè sul mercato”.

In realtà dovrebbe essere evidente a tutti, da molto tempo, che il mercato non è mai democratico in sé, ma è pre-determinato dalle imprese (a cos’altro servono infatti marketing e pubblicità se non a produrci come consumatori o come utenti della rete o come produttori di dati?) e che un’impresa non può essere paragonata a una nave o a una sala operatoria. Per la semplice ma sempre dimenticata ragione – come invece scriveva il sociologo americano Robert A. Dahl – che “se la democrazia è giustificata nel governo dello Stato, allora essa lo è anche nella conduzione delle imprese economiche. Ciò che più conta: se essa non trova valide motivazioni nella gestione delle imprese economiche, non si vede proprio come potrebbe averne nel governo dello stato”.

Così facendo, continuava, “un popolo democratico compirebbe un passo importante verso il perseguimento degli obiettivi di eguaglianza politica, di giustizia, di efficienza e di libertà”. E invece, quarant’anni di neoliberalismo – e imbarazzante è che questa filosofia che si dice libertaria sia stata testata per la prima volta nel Cile del golpista/fascista Pinochet; e che uno dei padri del neoliberalismo, von Hayek (corrente del neoliberismo austro-statunitense) affermasse di preferire una dittatura favorevole al mercato a una democrazia contraria al mercato – ci hanno riportato a un modello di impresa nuovamente autocratico e a un mondo (e alla vita degli uomini) di fatto governata (come viviamo, come ci informiamo, comunichiamo, agiamo, socializziamo) da un oligopolio/oligarchia di grandissime imprese (e al vecchio Gafam, acronimo di Google, Amazon, Facebook, Apple e Microsoft oggi va aggiunta la T della Tesla di Musk).

Di più e peggio: come sintetizzava l’americano Walter Lippmann, con il cui nome sono chiamati i Colloqui svoltisi a Parigi, nel 1938, per la rifondazione appunto del neoliberalismo, continuata poi con la Mont Pèlerin Society – il liberalismo è “l’unica filosofia che possa condurre all’adeguamento della società umana alla mutazione industriale e commerciale fondata sulla divisione del lavoro”; che a sua volta è un dato storico che non può essere modificato. Quindi: “il liberalismo è la filosofia della rivoluzione industriale” e suo compito è modificare l’uomo, adattandolo alle esigenze della produzione e del capitalismo, divenendo “un nuovo sistema di vita per l’intera umanità”, accompagnando “la rivoluzione industriale in tutte le fasi del suo sviluppo; e poiché questo sviluppo è infinito, il nuovo ordine non sarà mai in nessun modo perfettamente realizzato e concluso”.

E non è forse vero che il sistema oggi ci chiede di adattarci al cambiamento climatico (la resilienza), per non contrastare le esigenze del sistema industriale-capitalistico? Siamo dunque al predominio di termini come Adattamento, adeguamento dell’uomo alle esigenze della rivoluzione industriale, di un tecno-capitalismo il cui obiettivo non è quindi solo produrre e vendere merci e fare profitto, ma anche di profilarci (cioè spiarci) in massa (e mai nessun totalitarismo era giunto a tanto e tanto pervasivamente) per il proprio Big Data.

Siamo, appunto, al capitalismo della sorveglianza, volto a costruire un uomo ancor più funzionale alle sue esigenze e incapace di immaginarlo altro e diverso. Ovvero: niente di più illiberale del (neo)liberalismo. Perché un uomo che si deve solo adattare a qualcosa che non deve controllare (la rivoluzione industriale, il potere dell’impresa e del mercato e dell’oligopolio/oligarchia tecnologica) non è un uomo libero.

Nell’immagine: il futuro immaginato da Fritz Lang in Metropolis (1927)

Dal nostro archivio

Del veloce volo di Franco Battiato
Naufragi

Del veloce volo di Franco Battiato

Aveva scelto la strada del successo perché voleva essere ascoltato

Pubblicato il Simona Sala
Fine anno, la solita rassegna dei fatti
Naufragi

Fine anno, la solita rassegna dei fatti

Perché dei fatti e non delle idee? Con un anno in via di estinzione piovono di solito le rassegne dei fatti politici nazionali e cantonali capitati e ritenuti degni di rilievo....

Pubblicato il Silvano Toppi