Un’altra concentrazione editoriale, un altro danno a informazione e pluralismo

Un’altra concentrazione editoriale, un altro danno a informazione e pluralismo

Cosa dice e conferma la vicenda della fusione dei due giornali bernesi


Natasha Fioretti
Natasha Fioretti
Un’altra concentrazione editoriale, un altro...

Qualche settimana fa con un giornalista sportivo del Tages-Anzeiger parlavamo del lavoro in redazione durante il Covid. Mi diceva che dopo le varie acquisizioni di TX Group, ex Tamedia, pensiamo alla Berner Zeitung, alla Basler Zeitung e al Bund, la fusione di diverse redazioni, i suoi pezzi girano sulle varie testate del gruppo. Mi diceva che in prevalenza scrive per il Tagi e la Sonntagszeitung in realtà è un giornalista di Tamedia. Non per niente la Neue Zürcher Zeitung qualche giorno fa in merito alla notizia dell’ultima fusione annunciata giovedì – mi riferisco naturalmente all’unione delle redazioni della Berner Zeitung e del Bund – titolava l’articolo di Fabian Schäfer “Più giornali, lo stesso contenuto. Tamedia vuole vendere lo stesso vino in diversi otri».

Come non essere d’accordo, il punto piuttosto è che non si tratta di una novità. Semmai è la conferma di una strategia che già da qualche tempo Pietro Supino e il suo gruppo portano avanti. È la conferma di una tendenza che ormai da qualche anno caratterizza tutto il panorama mediatico svizzero, anche il nostro, a sud delle Alpi. È il prodotto della concentrazione mediatica nelle mani dei grandi gruppi che porta all’impoverimento della qualità e dell’indipendenza giornalistica, soprattutto mina il pluralismo dei media nel nostro paese. Da un lato, sulla notizia ci si potrebbe anche fare anche una bella risata. Amara però perché da giornalisti e da lettori ci si sente presi in giro dalle politiche di certi grandi gruppi. Il primo ottobre del 2020 il Bund ha festeggiato i 170 anni di giubileo. Per l’occasione, Pietro Supino, Presidente di Tamedia AG, si diceva orgoglioso della testata ed esprimeva la volontà di portare avanti il modello bernese perché di successo.

In altre parole, rassicurava sul fatto di non toccare le due redazioni regionali indipendenti, quella della Berner Zeitung e del Bund. A pochi mesi di distanza le carte in tavola sono evidentemente cambiate, non solo non viene più garantita alcuna indipendenza ma si tagliano venti posti di lavoro. Qualcuno potrebbe dire che Tamedia nel 2020 ha registrato perdite per 94 milioni di franchi. Io vorrei invece ricordare che quando nella primavera dell’anno scorso Tamedia, come altri gruppi e testate, riceveva gli aiuti dalla Confederazione per le conseguenze del Covid e introduceva il lavoro ridotto per i suoi giornalisti, il gruppo non ha rinunciato a distribuire ai suoi azionisti lauti dividendi per un totale di 37,1 milioni di franchi. C’è qualcosa che non va e non da oggi nel nostro sistema mediatico. Sarebbe ora di agire per limitare lo strapotere dei grandi gruppi che da un lato tagliano e piangono, dall’altra incassano gli aiuti, distribuiscono dividendi, acquisiscono testate regionali per rafforzare la loro presenza sul mercato e non mostrano interesse a firmare un nuovo contratto collettivo di lavoro.

Messaggi simili

Gaudin se ne va, lo scandalo Crypto resta
Naufragi

Gaudin se ne va, lo scandalo Crypto resta

Dimissioni, credibilità elvetica, e crittografia taroccata

Pubblicato il Marco Züblin
Una questione d’avverbio
Naufragi

Una questione d’avverbio

Agli Stati un progetto di modifica del Codice di procedura civile può diventare un altro ostacolo alla libertà di stampa

Pubblicato il Redazione