Napoli … non per caso

Napoli … non per caso

Nella notte dei fuochi d’artificio il cielo resta azzurro, azzurro per tutti


Fabrizio Quadranti
Fabrizio Quadranti
Napoli … non per caso

Prendiamo una ricorrenza usuale, una festa come tante. Prendiamo la notte di San Silvestro: la si festeggia dappertutto, un botto veloce nel paesino sperduto ed un po’ di fuochi nei centri più abitati. Poi ecco le metropoli di tutto il mondo che si sbizzarriscono tanto da alimentare il primo notiziario dell’anno di tutte le reti televisive. Se ne vedono di diverse, se ne vedono di belle ma … quando la telecamera porta in rassegna Napoli, allora è tutta un’altra cosa. Il golfo illuminato a giorno, in quell’ anniversario, è come l’aurora boreale: un’esperienza. Per una «usanza» che si ripresenta puntuale ogni anno. Se poi, e invece, prendiamo una «festa rara», mettiamo un’occasione attesa da 33 anni, allora … ecco Napoli nella sua versione primavera 2023. Un qualcosa di assolutamente unico e speciale. Un’aurora verde moltiplicata per dieci, cento … . 

Bisogna aggiungere un altro dato. Napoli è una metropoli (3 milioni i suoi abitanti!) che, a differenza di tante altre (Roma, Milano, Genova e Torino) non deve suddividere la propria passione calcistica. C’è un club solo, dunque un’esclusiva indiscutibile. Nessun battibecco con i dirimpettati, nessuna discussione pre o post derby: il cielo è azzurro e resta azzurro per tutti. E se dobbiamo collegare una striscia azzurra da un balcone di fronte all’altro… lo si fa, mettendo da parte la discussione avuta il giorno prima. Questa «totalizzazione» ha una potenza contagiosa incredibile: non solo coinvolge subito tutti ma fa sentire escluso chi tenta di chiamarsi fuori. Per cui quando si accostano le parole «calcio» e «Napoli» occorre intendere la totalità delle persone coinvolte. Dottori e camerieri, donne e uomini, suocere e suore, disoccupati e malandrini, politici della parte di qua e della parte di là, a sventolare bandiere e a gioire sono proprio tutti, all’unisono. E questo è il secondo valore aggiunto alla festa partenopea.

Un terzo aspetto, eminentemente tecnico, sportivo, che rende leggendaria l’impresa della squadra di Spalletti, è legato alle scelte dirigenziali, economiche decise durante la scorsa estate. Un qualcosa di assolutamente controcorrente. Il Napoli ha vinto il suo terzo scudetto dopo aver venduto i suoi migliori calciatori ed aver ridotto il monte-stipendi di un terzo. Solo 10 mesi fa nessuno indicava il Napoli come possibile protagonista stagionale; nemmeno i più ottimisti lo ipotizzavano fra i primi 4. E invece, invece i nuovi (Kvara, Kim, Raspadori…) hanno superato anche  le più ottimistiche aspettative, e sul campo gli schemi di Spalletti hanno fatto il resto. 

Il Napoli non ha solo vinto, ha dominato. Facendo inarcare un qualche sopracciglio anche in Europa (Guardiola, Klopp … non per dire). Aggiudicandosi il titolo alla trentatreesima giornata (record eguagliato) dopo 33 anni, anche questo è Napoli. Dunque l’eccezionalità della stagione non è riconducibile ad un anno di bassa marea del pallone italiano (c’è stato anche questo, diciamolo) ma di valori tecnici e tattici straordinari. Verrebbe da dire … «miracolosi». 

E qui sopraggiunge un quarto aspetto specifico partenopeo. Infatti la città di Napoli conta ben 56 Santi patroni (e fra questi 8 «Tutelari»). Un record assoluto a livello mondiale che non la dice ancora tutta. Infatti la lista dei Santi patroni, disponibile sul web, quella che inizia con l’istituzionalissimo San Gennaro, non contempla ufficialmente quel “santo laico” argentino, adorato e venerato ancora e per sempre dall’intera città, che gli ha pure dedicato il nome dello stadio. A Napoli Maradona si ritrova ovunque, a cominciare da quel muro che come un altare viene visitata e riconosciuto da tutti. Lui ha «segnato» i primi due scudetti, lui c’è ancora oggi, al punto che il popolo azzurro colloca ancora lui, Diego, fra i protagonisti di questa vittoria. Forse è esagerato, ma si potrebbe pure affermare che a Napoli non vi sono «generazioni che hanno dissipato poeti»: lì restano, sempre e comunque. Alla faccia di chi consuma e brucia i propri eroi in un amen. 

La vittoria, la festa, la programmazione controvento, l’azzardo, la scommessa, gli eccessi, il coraggio di andare oltre: Napoli 2023 non è per caso.

Nell’immagine: Napoli – il murale di Maradona ai Quartieri Spagnoli 

Dal nostro archivio

Vince Elly Schlein e la politica che “si rilancia dal basso”
Naufragi

Vince Elly Schlein e la politica che “si rilancia dal basso”

Si impone a sorpresa nelle primarie del PD italiano, diventandone la prima leader donna: ora un’altra battaglia per il controllo di un partito diviso e spesso autolesionista

Pubblicato il Aldo Sofia
Politica: alla difficile ricerca delle persone colte
Naufragi

Politica: alla difficile ricerca delle persone colte

Fra i banchi di parlamentari e governi, rispetto a un qualsiasi ragionamento si preferisce spesso e volentieri il ricorso a slogan e retorica da comizio

Pubblicato il Saverio Snider