Olmo Cerri e Noah Sartori – Una torre più che Straordinaria

Olmo Cerri e Noah Sartori – Una torre più che Straordinaria

L'esperienza de "La Straordinaria" e la Carta della Gerra, presentate questa mattina a Lugano, non sono solo un progetto concreto per dare alla città e al cantone una vita culturale più ricca, ma anche l'indicazione di una nuova e quanto mai necessaria strada nell'azione politica


Mario Conforti
Mario Conforti
Olmo Cerri e Noah Sartori – Una torre...

In 67 giorni, tra fine dicembre 2022 e marzo 2023, gli spettacoli e le attività che hanno avuto luogo nella “Straordinaria”, la torre di legno collocata sullo sterrato della Gerra a Lugano, hanno dimostrato che la cultura che nasce dal basso, da iniziative spontanee, non è da meno di quella organizzata dalle autorità e dalle istituzioni. Anzi, forse più di quest’ultima ha la capacità di coinvolgere, di creare comunità e partecipazione. Lo dimostra il consuntivo dell’esperienza, presentato questa mattina, assieme alla “Carta della Gerra“, un documento redatto collettivamente da un gran numero di gruppi, individui e associazioni attivi in campo culturale. La Carta chiede alla politica un deciso riorientamento delle prospettive e delle priorità nel sostegno e nella promozione delle attività nel campo delle arti, dello spettacolo e della cultura in genere, più risorse (spazi e finanziamenti), ma anche e soprattutto più condivisione e partecipazione nella definizione e nell’applicazione della politica culturale in campo comunale e cantonale. Di questo abbiamo parlato con due membri dell’associazione Idra, che è alla base di entrambe le iniziative, Olmo Cerri e Noah Sartori.

Dal nostro archivio

Sarah Parenzo – La solitudine degli israeliani non aiuta i palestinesi
Tre domande a...

Sarah Parenzo – La solitudine degli israeliani non aiuta i palestinesi

Il rischio che se ne vada Netanyahu ma non le sue idee

Pubblicato il Aldo Sofia
Giovanni Merlini – È giusto che Marina Carobbio non si dimetta
Tre domande a...

Giovanni Merlini – È giusto che Marina Carobbio non si dimetta

L'ex consigliere nazionale, già presidente del PLR, con altri liberali difende la scelta della candidata socialista di non lasciare Berna prima del voto cantonale

Pubblicato il Aldo Sofia