Il problema delle tre rendite

Il problema delle tre rendite

Una società che privilegia la rendita rispetto al lavoro produttivo erode le basi del proprio futuro economico


Spartaco Greppi e Christian Marazzi
Spartaco Greppi e Christian Marazzi
Il problema delle tre rendite

Ci vorrebbe un nuovo Angelo Rossi per cogliere la vera natura dell’economia e dei suoi risvolti politici di questo Cantone. In realtà, basta l’autore de ‘L’economia a rimorchio’ per analizzare quanto sta accadendo oggi. Si legga, tra i vari passaggi, questa citazione dell’opera del 1975: “Siamo infatti convinti che un processo di sviluppo, all’origine del quale, come nel caso ticinese, stanno fenomeni speculativi, che si riflettono concretamente in aumenti enormi dei redditi dei terreni e degli immobili, debba avere in effetti contribuito a far aumentare l’ineguaglianza nella distribuzione del reddito, poiché i frutti dell’espansione economica vennero verosimilmente appropriati da un numero ridotto di persone, quelle che operano nel campo della speculazione”. Secondo Rossi una classe di intermediari, che egli identificò soprattutto negli avvocati (la “classe degli avvocati”, così osò chiamarla), rappresentava gli interessi dei capitalisti esterni al Cantone che dominavano l’economia ticinese.

A rafforzare questa lettura, andrebbe ricordato anche un contributo del 1959 di Basilio M. Biucchi, professore all’Università di Friburgo, citato dallo stesso Rossi. Non solo il Biucchi che denuncia la secolare tendenza a privilegiare la rendita fondiaria e immobiliare a scapito degli investimenti industriali e commerciali, ma anche, ci permettiamo di aggiungere, il Biucchi promotore dell’Uficio ricerche economiche. Quel luogo di studi di economia regionale che tanto contribuì a far crescere una classe politica che nella contrapposizione assicurò al sistema dei partiti la rappresentanza della pluralità degli interessi sociali. Di questa esperienza non solo non c’è più traccia, ma laddove si vantano studi “oggettivi”, lo si fa solo per assecondare univocamente interessi corporativi. Insomma: meglio scoprire vecchie verità che inventare nuove stupidaggini.

Il passato che non passa

Da questo passato che sembra non passare mai, alla rendita immobiliare andrebbero aggiunte due altre rendite, due altre modalità di accumulare ricchezze attraverso la speculazione. Parliamo della rendita fiscale, che si riferisce ai vantaggi economici ottenuti attraverso politiche fiscali favorevoli, spesso destinate ai ricchi contribuenti e alle grandi imprese. E parliamo della rendita finanziaria, spesso conseguente a quella fiscale, riconducibile al reddito generato attraverso investimenti in strumenti finanziari come azioni, obbligazioni, derivati e magari qualche criptovaluta.

L’economia delle tre rendite, che è alla base del capitalismo contemporaneo, ha ormai una sua dimensione pervasiva e trasversale (Luciano Gallino parlava di Finanzcapitalismo), al punto che gli stessi pilastri del nostro sistema sociale ne sono fortemente condizionati. Si pensi ai fondi pensione o alle riserve dell’Avs e delle casse malati investiti sui mercati finanziari. Quasi che i diritti sociali siano ormai titolarizzati!

È indubbio che una società che privilegia la rendita rispetto al lavoro produttivo sta erodendo le fondamenta del proprio futuro economico. A maggior ragione in un Paese fragile.

Scritto per laRegione

Dal nostro archivio

Un Polo da “prendere o lasciare”
Naufragi

Un Polo da “prendere o lasciare”

L’assenza di un Piano B pare sempre più una presa per il Lato B

Pubblicato il Enrico Lombardi
Iran: silenzio, si uccide
Naufragi

Iran: silenzio, si uccide

Il pericolo è l'indifferenza di fronte al fiume carsico della lotta democratica in Iran e nelle altre dittature

Pubblicato il Roberto Antonini